BAIA & CUMA | Con visita dell’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli | Domenica 5 Maggio 2019

Maggio Slides Viaggi organizzati
Baia e Cuma da Salerno

TRA MITI, STORIA & PRODIGI DELLA NATURA

.

DESCRIZIONE

Un itinerario insolito e poco conosciuto è quello dei campi Flegrei. Si tratta dell’area posta a nord di Napoli (vicino a Pozzuoli) e tra le più ricche di testimonianze greco-romane. L’itinerario parte del parco archeologico di Baia, dove le vestigia romane sono bene conservate per poi arrivare al parco archeologico di Cuma.

Andando per ordine troveremo:

  • Baia, la quale ai tempi degli antichi romani ha rappresentato un luogo privilegiato per la villeggiatura degli imperatori costruendo meravigliose ville e magnifici stabilimenti termali ricevendo gli apprezzamenti di Orazio che l’ha definito “il ‘più splendido golfo al mondo’.
    Il museo archeologico dei campi flegrei, custodisce numerosi reperti provenienti dall’antica città di Baia stazione termale e residenziale dell’aristocrazia imperiale, da Cuma, la più antica colonia greca della penisola, Pozzuoli, importante emporio del mondo romano, Miseno, sede della flotta imperiale e Liternurm, città di Scipione l’Africano.

    Superstite dello splendore passato è il complesso monumentale del parco archeologico, un’intera collina venne trasformata con tutte le sue propaggini in un unico “palatium” e al tempo stesso in un grande complesso termale e di soggiorno destinato ad ospitare l’imperatore, la sua famiglia, la sua corte, i ricchi patrizi.
  • La Piscina Mirabilis, altra struttura romana che lascia davvero senza parole perché rappresenta la più grande cisterna romana mai scoperta.
  • L’antica Cuma la quale riveste un ruolo molto importante dal punto di vista archeologico in quanto rappresenta la più antica colonia greca d’Occidente, successiva soltanto all’occupazione provvisoria dell’isola d’Ischia, l’antica Pithekoussai. Di grande notorietà è l’Antro della Sibilla una lunga galleria che attaversava il monte di Cuma, collegando il Foro alle banchine portuali. Ma chi era la Sibilla? La leggenda narra che la Sibilla era una giovane donna. Il dio innamorato di lei le offrì qualsiasi cosa purché ella diventasse la sua sacerdotessa, ed essa gli chiese l’immortalità ma si dimenticò di chiedere la giovinezza. Invecchiò quindi sempre più, il suo corpo diventò piccolo e consumato come quello di una cicala. Decisero così di metterla in una gabbietta nel tempio di Apollo, finché il corpo non scomparve e rimase solo la voce. Nell’Eneide, Virgilio parla di una caverna a Cuma, nei pressi del Lago d’Averno, conosciuta come “L’Antro della Sibilla “, dove la Sibilla appunto trascriveva i suoi vaticini su foglie di palma le quali mischiate dai venti provenienti dalle 100 aperture dell’antro erano resi “sibillini”.
  • L’anfiteatro Flavio Neroniano di Pozzuoli, il terzo anfiteatro più grande mai costruito dai romani. Gli enormi costi per la sua edificazione furono interamente sostenuti dall’erario cittadino.

.

PROGRAMMA

Raduno dei Sig. Partecipanti:

  • Alle ore 7:00 da Cava de’ Tirreni in zona Trincerone (Villa Alba);
  • Alle ore 7:30 da Salerno in zona P. Pinocchio;
  • Alle ore 7:40 da Salerno in zona P. Casalbore.

Partenza in Bus GT per Baia e incontro con la guida. Visita del Museo Archeologico dei Campi Flegrei che è ospitato nel castello di Baia, una fortezza militare costruita dai re aragonesi (nel 1495), opportunamente restaurata ed adeguata alla nuova destinazione espositiva e dal quale è possibile ammirare Cuma, il Golfo di Pozzuoli e le isole di Capri, Ischia e Procida.

In seguito spostamento a Bacoli per la visita della piscina Mirabilis. L’acquedotto completamente scavato nel tufo con pareti interamente coperte dal famoso intonaco in cocciopesto, aveva la funzione di portare l’acqua dal fiume Serino fino a Napoli e ai Campi Flegrei, per un percorso di oltre cento chilometri.

Pranzo in ristorante. In seguito trasferimento a Cuma dove passeremo per il Lago di Fusaro dinanzi alla casina Vanvitelliana ed effettueremo una breve sosta per la visita esterna del complesso. Arrivo a Cuma e proseguimento della visita guidata. Avamposto della Magna Grecia verso la zona tenuta dagli Etruschi, essa rappresentò un centro di diffusione della cultura greca, specialmente nel Lazio, e cercò sempre di consolidare la sua influenza nel golfo di Napoli, per controllare le vie di commercio con il sud. Essa è anche nota per essere la storica dimora della Sibilla Cumana. Ultima tappa del nostro tour, sarà la visita dell’anfiteatro Flavio di Pozzuoli, che poteva ospitare fino a 40mila spettatori. Rientro previsto in serata.

Immagini

Partenze da Salerno e Cava de’ Tirreni.

Follow
BAIA & CUMA | Con visita dell’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli | Domenica 5 Maggio 2019

QUOTA INDIVIDUALE € 50,00

 

La quota comprende: 

  • Viaggio in Bus GT a/r;
  • Visita guidata di Baia, Cuma, Piscina Mirabilis e Anfiteatro romano di Pozzuoli con guida autorizzata;
  • Pranzo in ristorante;

.

La quota non comprende:

  • Costi extra, in occasione di eventuali mostre
  • Ingressi ai siti archeologici gratuiti in occasione della 1° domenica del mese aggiornato al 8/12/2018 (salvo diverse disposizioni ministeriali)
  • Tutto ciò che non viene citato “nella quota comprende”.

.

Prenotazioni entro il 3 Aprile

Saldo 30 giorni prima della partenza

Minimo partecipanti 40 pax

L’organizzatore si riserva il diritto di effettuare cambiamenti in caso di necessità.

E’ DI FONDAMENTALE IMPORTANZA SPECIFICARE IL LUOGO DI PARTENZA,AL MOMENTO DELLA PRENOTAZIONE.

Il viaggio si effettuerà anche in caso di pioggia.

Organizzazione tecnica: Agenzia di viaggi Mezzogiorno Enjoy di Frank Montella

Tel: 089/9950345